Le 5 e convinzioni errate sul glutine

Le 5 e convinzioni errate sul glutine

Probabilmente quando leggerai questo articolo alla fine ci disprezzerai e non vorrai più saperne di noi.  Tu che credevi che fossimo quelli delle generazioni “GREEN” a tutti costi, che odiamo lo spreco e amiamo la vita è il cibo sano.  Quelli del “L’acquisto a km zero” e del “Difendiamo i prodotti tipici del nostro territorio”.  Sì proprio noi NON siamo tra i sostenitori del “GLUTEN-FREE”.

 

Beh intendiamoci qualche prodotto “GLUTEN-FREE” lo vendiamo anche noi a “La Posteria nel Borgo” ma solo perché è buono, l’abbiamo assaggiato e ci è piaciuto. Se però non vuoi sentire ragioni su perché non siamo contro il glutine, ti consigliano di smettere di leggere ora, adesso, perché vogliamo svelarti le 5 convinzioni errate sul glutine.  Eh si caro! Oggi non è di moda parlare a favore del glutine pertanto siamo consapevoli di addentrarci su un terreno impervio e scivoloso, pieno di sabbie mobili ed insidie mortali, ma noi siamo fatti così, preferiamo rischiare l’esilio permanente o peggio ancora di essere etichettati tra i sostenitori delle lobby del glutine, pur di sostenere ciò che riteniamo giusto per amore della verità. Quindi come Leonida alle Termopili iniziamo la nostra battaglia contro le orde inferocite del movimento “GLUTEN-FREE”!

 

farina_grano

 

Noi siamo del parere che esistono 5 convinzioni errate sul glutine che circolano in Rete anche se non si sa bene per quale motivo. Le vogliamo svelare e smontare una per una.

 

1ª Convinzione errata: Il glutine fa male a tutti.

 

Chiariamo subito che il glutine è una proteina che si forma dall’unione di altri due proteine, la gliadina e la glutenina e si forma quando queste entrano in contatto con l’acqua. Questa proteina si trova in alcuni cereali tra cui il frumento, il segale, l’orzo, la velina e il farro oltre che al Kamut® che altro non è che un tipo di grano.  Si forma quindi durante la lavorazione delle farine di questi cereali.  Non si tratta quindi di un ritrovato dell’industria alimentare ma un elemento naturale che esiste nel pane e nella pasta praticamente da sempre. Se lo ritroviamo in altri cibi e perché viene utilizzato dall’industria alimentare come addensante.   Da qui possiamo dire che forse se ne abusa un po’ troppo ma che faccia male a tutti è un’affermazione esagerata.  Ci sono due tipi di persone a cui fa male il glutine e sono i celiaci e chi è allergico al glutine.  Ne parleremo più avanti…

 

2ª Convinzione errata: i glutini sono tutti uguali.

 

Alcuni glutini contenuti in farine antiche come il Senatore Cappelli risultano più digeribili, come pure i glutini contenuti nel farro e nel Kamut®.  La struttura di questi tipi di glutini risulta più facilmente aggredibile  dagli enzimi digestivi dell’organismo, quindi spesso si ha la sensazione di una maggiore digeribilità dopo aver mangiato la pasta prodotta con queste farine.

 

3ª Convinzione errata: i celiaci sono allergici al glutine.

 

Chiariamo subito che la celiachia e l’allergia al glutine sono due cose differenti che non vanno confuse: nel primo caso abbiamo una patologia che compromette seriamente i tessuti interni dell’intestino e nel secondo caso abbiamo una reazione allergica con sintomi differenti anche se riconducibili alla presenza del glutine nell’alimentazione. Il caso dei celiaci riguarda l’intolleranza al glutine che si verifica con una reazione autoimmune ovvero vengono prodotti degli anticorpi che attaccano il tessuto interno dell’intestino provocandone un progressivo deterioramento fino al punto di rendere il soggetto non in grado di assimilare il nutrimento derivante dall’alimentazione, quindi la patologia è molto seria e pericolosa. I celiaci devono evitare assolutamente i cibi contenente glutine.  L’allergia al glutine è differente perché in questo caso abbiamo una reazione immunitaria vera e propria contro la stessa proteina del glutine.  Nei pazienti che hanno questo tipo di allergia si hanno reazioni molto simili alle altre allergie alimentari con sintomi di natura cutanea (dermatiti, eczema, ecc.).

 

4ª Convinzione errata: il glutine è dappertutto.

 

Il glutine non può essere dappertutto visto che deriva dal frumento e da altri cereali a meno che, nella preparazione di alcuni cibi si faccia uso di addensanti derivanti dal glutine. Se sei convinto che troppo glutine ti faccia male e bene che tu scelga una dieta che riduca l’apporto di carboidrati come la pasta o il pane e cerca di arricchire la tua dieta di frutta e verdura possibilmente fresca di stagione.

 

5ª Convinzione errata: mangiare senza glutine e più sano e dietetico.

 

Se non sei celiaco o allergico al glutine, non è detto che mangiare senza glutine sia più sano e dietetico.  Sicuramente riducendo l’apporto di glutine una persona normale può sentire un miglioramento del suo stato digestivo, quindi è consigliabile far uso di pasta e pane prodotto con farine integrali, tuttavia non è scontato che gli alimenti che hanno il marchio “GLUTEN-FREE” siano sempre dietetici, dopotutto una merendina è sempre una merendina anche se senza glutine. L’apporto calorico è praticamente identico.  Solitamente nel cibo industriale, ci sono quattro elementi che lo rendono più appetibile e sono: lo zucchero, il sale, il grasso e il glutine. È inevitabile che se si toglie uno di questi, gli altri debbano aumentare.  Quindi non è detto che gli alimenti “GLUTEN-FREE” siano più sani e dietetici.

 

Abbiamo così elencato le 5 convinzioni errate circa il glutine, ma non vogliamo che tu ti faccia un’idea sbagliata su di noi.  Siamo per il cibo sano, per il “mangiare consapevole”, e consigliamo sempre di approfondire le problematiche legate all’alimentazione perché viviamo in una società complicata.  Il progetto “La Posteria nel Borgo” è nato con l’idea di semplificare la vita e l’approccio al cibo e ci teniamo a incoraggiare i nostri clienti a non complicarsi la vita seguendo mode passeggere o solo per sentito dire.

Vieni a trovarci a “La Posteria nel Borgo” e prova la nostra pasta fatta con farina antiche, che hanno un glutine molto più digeribile, inoltre da noi e la pasta la puoi acquistare sfusa, così puoi prendere solo quella che ti serve anche per un assaggio. Anzi un assaggio te lo regaliamo noi!

 

 

Anna Merlino