Stagionalità della frutta e della verdura

Stagionalità della frutta e della verdura

A Milano c’è un detto che recita “Zucch e melùn la sua stagiùn” che solitamente viene utilizzato per burlarsi delle persone anziane che vogliono a tutti costi apparire più giovani.  Il detto però si basa su una realtà indiscussa che affonda le sue radici nella cultura contadina, quindi anche se la traduzione letterale è “zucche e meloni hanno la loro stagione”, si potrebbe parafrasare in “La frutta la verdura hanno la loro propria stagione”.  Da questo detto, ogni persona dotata di senso logico può trarre due lezioni importanti:

 

  • Lezione n. 1: non ti aspettare di trovare frutta e verdura fresca e buona quando non è la loro stagione di maturazione raccolta.
  • Lezione n. 2: se vuoi consumare frutta e verdura fuori stagione devi andare “contro natura”!

Zucche Nostrane

 

 

La lezione n. 1 penso sia chiara e quindi non mi soffermo a spiegarla meglio, la seconda sicuramente ti dà qualche perplessità. Dico bene? Ok lasciami spiegare cosa intendo per “contro natura”.

Il contadino di una volta, che non aveva il frigorifero, per produrre e vendere la frutta e la verdura fuori stagione doveva andare “contro natura” nel senso che doveva lavorarla e metterla nei vasetti quindi fare le conserve o le marmellate, oppure coltivarla nelle serre.

I vantaggi quindi di andare “contro natura” sono dovuti al consumo del tuo frutto e della tua verdura da te preferiti in tutti i periodi dell’anno. Ma hai pensato agli svantaggi?

Tralasciando le conserve e le marmellate, se parliamo di frutta e verdura fresca da consumare fuori stagione, sicuramente abbiamo tre scelte:

 

  1. frutta e verdura proveniente da coltivazioni nelle serre
  2. frutta e verdura conservate in frigorifero e a temperatura e umidità controllate
  3. frutta e verdura proveniente da altre parti del pianeta (quasi sempre dall’emisfero opposto al nostro)

 

Nel primo caso abbiamo costi di produzione più elevati, quindi la merce costa molto di più rispetto a quella di stagione.

Nel secondo caso otteniamo un sensibile impoverimento del contenuto nutritivo del prodotto come la vitamina C che è praticamente assente nei cibi conservati a lungo nei frigoriferi.

Nel terzo caso è inutile stare qui a raccontarcela, contribuiamo all’inquinamento del pianeta e lo svantaggio non lo paghiamo più noi ma i nostri figli e nipoti. Vedi tu…

“La Posteria nel Borgo” vende frutta e verdura fresca solo di stagione, proprio per evitare questi problemi. Vieni qui da noi ad assaggiare la frutta e la verdura fresca di stagione. Ti aspettiamo!

 

Anna Merlino